novembre 24

Una trama o molte trame? Il programma narrativo di base

Una trama o molte trame? Il programma narrativo di basePropp, in quel testo fondamentale scritto nel 1928, la Morfologia della fiaba, ha individuato un’unica tipologia di narrazione che accomuna tutte le favole russe. Nei suoi studi ha identificato un numero limitato, trentuno per l’esattezza, di “funzioni“, intendendo con tale termine l’operato di un singolo personaggio che opera in un singolo contesto per lo svolgimento della storia.

Cosa c’entra uno studio di folklore e la fiaba, per giunta russa, con la narrazione? Il fatto è che, secondo Propp, le funzioni sono non solo limitate, ma la loro successione è sempre identica. Insomma, lo svolgimento degli eventi, la trama, non cambia mai.

Lo stesso accade nella narrazione. Se ben vediamo, alla base di ogni scritto letterario c’è un sempre un conflitto, una tensione verso un obiettivo. La narrazione di un romanzo è sempre una lotta per la conquista di qualcosa che può essere un oggetto, una conoscenza, un amore, una posizione di potere e così via. Questo obiettivo, cui il nostro protagonista tende, può essere definito “oggetto di valore“.

Tutta la narrazione ruota attorno a questo oggetto di valore. E il ruolo del personaggio, visto da questo punto di vista, astrae dalla specifica trama del libro. Algirdas Julien Greimas parla, più in generale, di attanti, ovvero di ruoli narrativi che sono sempre tali a prescindere dal contesto concreto che occupano. Ne identifica sei: Soggetto, Oggetto, Destinante, Destinatario, Aiutante, Opponente o Anti-Soggetto.

Senza addentrarci nelle singole definizioni, possiamo sintetizzare qualsiasi narrazione in questi tre, semplici, punti:
– All’inizio vi è un soggetto separato dal suo oggetto di valore;
– Il soggetto opera per congiungersi o ricongiungersi all’oggetto di valore;
– Alla fine, il soggetto si ricongiunge all’oggetto di valore.

Questo schema, estremamente semplificato, viene chiamato “Programma Narrativo di Base” ed è quello che causa tutta la trama. In qualsiasi racconto, romanzo, fiaba ci deve essere un Programma Narrativo di Base. Un Soggetto desidererà un Oggetto. Ma la sua ambizione verrà ostacolata da un Opponente. A questo punto entra in scena un Aiutante e via di questo passo.

 


Tag:, , , , ,
Copyright Claudio Aita. Tutti i diritti riservati

Posted 24/11/2015 by Claudio in category "La trama

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *