novembre 12

Le recensioni: Ann Cleeves. L’isola dei cadaveri

le recensioni: ann cleeves l'isola dei cadaveriDevo confessare che quello che mi ha attirato del romanzo di Ann Cleeves, L’isola dei cadaveri, è stata la sua ambientazione estrema. La vicenda si svolge, infatti, nelle remote Shetland, un gruppo di isole a nord della Scozia. Una terra brulla e spoglia, senza alberi, continuamente battuta dal vento e dalle onde gelide del Mare del Nord. Un terra dura, insomma, dove tutto è essenziale. Devo dire che la descrizione che la Cleeves fa di questo angolo estremo del mondo, non mi ha deluso. Forse la narrazione, a tratti, può risultare troppo lenta, ma in quest’atmosfera rarefatta non poteva che essere così. In compenso, sono rimasto talmente affascinato da sentire la necessità di andare su Google Street per cercare di immedesimarmi con i miei occhi nella realtà di questa terra evocata nel libro. Anche se ho scoperto, come ammette lei stessa nelle note, che l’autrice si è presa qualche libertà topografica.

Allo stesso modo, è descritto con efficacia il carattere delle persone che abitano questo lembo estremo di terra, gente molto ospitale ma capace di serbare lontani e oscuri segreti e di sacrificare tutto per l’onore della famiglia. È in un contesto come questo che si svolge la vicenda. In una terra in apparenza addormentata, quasi immutabile, con un respiro rallentato. Eppure basta che una giovane archeologa, mentre scava alla ricerca di un edificio medievale, si imbatta in pochi frammenti d’ossa antichi che tutto l’equilibrio che da sempre ha retto la comunità, si infranga. E perché qualcuno si trovi nella necessità di ripristinarlo. Si tratta di resti antichi o la prova di un dramma molto più recente? Continue reading

novembre 25

Il giallo? Una sfida fra scrittore e lettore

Il giallo? Una sfida fra scrittore e lettoreIn definitiva, che cos’è un giallo? Possiamo rispondere affermando che è una sfida che l’autore lancia al lettore. C’è un mistero da risolvere e lo scrittore fornisce a chi legge gli elementi per risolverlo, “sfidandolo”, per l’appunto a riuscirci. E l’altro si sente, in qualche maniera, obbligato a provarci. Insomma, ciò che contraddistingue questo genere dagli altri è il maggiore coinvolgimento del lettore nell’opera di disvelamento di una realtà, di un evento, di una serie di accadimenti apparentemente inspiegabili. Ovviamente, per rendere questa sfida interessante e godibile, non bisogna rendere la vita del lettore troppo facile e gli indizi devono essere sì posti davanti al naso dell’altro, ma mischiati ad altri elementi fuorvianti e bisognosi di un’interpretazione. Continue reading

novembre 18

Le regole del giallo secondo Van Dine

libri06In questi giorni, sfogliando un vecchio libro,  mi sono ricapitati sotto gli occhi i quattordici principi che un vero giallista, secondo lo scrittore S. S. Van Dine, deve assolutamente osservare. Per chi non se lo ricordasse, Van Dine è stato il primo a pubblicare un giallo in Italia, La strana morte del signor Benson nella storica collana Mondadori con la copertina caratterizzata da quel colore che avrebbe dato il nome a tutto il genere. Era il lontano 1929.

Solo un anno prima, aveva pubblicato le quattordici regole. Ovviamente, molta acqua e molto inchiostro sono passati sotto i ponti. E anche la figura dell’investigatore è molto cambiata dal suo Philo Vance. Eppure, se ben li guardiamo, i principi da lui formulati rispondono ancora a criteri di buon senso. Intendiamoci: sono dell’opinione che le regole vadano infrante, seppur a ragion veduta. Il genio creativo non deve avere costrizioni. Ma bisogna anche affermare che, per chi è alle prime armi, imparare dall’esperienza dei maestri non è mai tempo sprecato. Continue reading